Carrello 0

Capri, non solo luogo di mare ma anche tanta archeologia – IL MATTINO

di Marina Guardati Corredato da una buona bibliografia, esce oggi edito da La Conchiglia Percorsi archeologici dell’isola di Capri di Adelia Pelosi (luglio 2003, pp.345, euro 14,00); ii volume sarà presentato a Capri al Quisisana stasera alle 19 da Stefano De Caro e Carlo Knight. E un lavoro agile che, con le notizie storiche e il necessario rinvio a Mangoni, Beloch e Maiuri, porta per mano il lettore che voglia visitare con intelligenza l’isola: i…

Continue reading

Spoon River a Positano – CORRIERE DEL MEZZOGIORNO

di Francesco Durante «Positano paese mio», scrive il napoletano Vittorio Pugliese. Del resto pure Stendhal, che era di Grenoble, volle presentarsi ai posteri come «Henri Beyle, milanese». L’anagrafe è un caso: la passione corregge il dato biografico, lo correda dei segnali di un vissuto singolare e inconfondibile. Positano per Pugliese è un luogo dell’anima, un paese d’elezione. E lì che hanno sede i ricordi più belli; è lì, tra la spiaggia e la Buca e…

Continue reading

E Capri lo celebra con ”L’isola dei baci” – IL MATTINO

Anche Capri ricorda Marinetti: uscirà per il prossimo ottobre presso le Edizioni La Conchiglia, con una prefazione di Sergio Lambiase, il libro di Filippo Tommaso Marinetti e Bruno Corra, «L’isola dei baci». Il libro, edito nel 1918, descrive una Capri “assediata” da omosessuali, pervertiti e decadenti coinvolti in un epico scontro finale con le travolgenti irrisioni futuriste in un’inverosimile Grotta Azzurra: la Capri caotica, allegra e scostumata degli inizi secolo contro le nuove tensioni culturali…

Continue reading

Ferragosto tra arte e cultura – CORRIERE DEL MEZZOGIORNO

di Marco Milano CAPRI Sarà la presentazione del libro di Roger Peyrefitte «L’esule di Capri», il primo degli eventi culturali previsti per il mese di agosto a Capri. A Villa Lysis nella parte alta dell’isola azzurra, in quella che fu la dimora di Jacques Fersen, le edizioni «La Conchiglia», vero “polo culturale” caprese, hanno, infatti, promosso per venerdì prossimo alle 19 la presentazione del libro di Peyrefitte in una giornata che vedrà, oltre all’intervento di…

Continue reading

Capri ha bisogno di un museo – CORRIERE DEL MEZZOGIORNO

di Carlo Knight La più remota storia di Capri sta scritta nel paesaggio. Le rocce rivelano l’appartenenza alla sommersa Tirrenide, e documentano il distacco dalla terraferma. Nei depositi e nelle stratificazioni si leggono le tracce di terrificanti sconvolgimenti tellurici. Gli incavi che marcano gli antichi livelli del mare attestano fenomeni d’immersione ed emersione avvenuti in anni lontanissimi. Questo paesaggio fuori del comune il quale doveva, per forza di cose, essere stato scenario e testimone di…

Continue reading

Le radici dell’odio – IL MATTINO

di Titti Marrone La legittimazione di Israele Dice che Napoli lo affascina «soprattutto peril suo lato oscuro, così presente nella sua storia lontana e nella stessa vita quotidiana. Dice che volentieri andrebbe in giro per i suoi vicoli, magari in compagnia di Erri De Luca, «di cui apprezzo i romanzi». Ma Abraham Yehoshua è solo di passaggio: a Capodichino, dove arriva con la moglie Ika nell’assolato pomeriggio, lo accoglie il filosofo Giuseppe Lissa con la…

Continue reading

Capri, come un film in bianco e nero – CORRIERE DEL MEZZOGIORNO

di Francesco Durante È un momento felice per Umberto D’Aniello, giovane artista anacaprese della fotografia. Una sua personale intitolata «Capri L’isola intima» è attualmente allestita alla galleria Hartmann di Monaco di Baviera; un’altra sua più piccola ma non meno interessante rassegna, dedicata a «La processione di Sant’Antonio» si può ammirare ancora per la giornata di oggi nel negozio anacaprese de La Conchiglia; infine, la prima edizione italiana dell’ultimo libro di Norman Douglas, Footnote on Capri…

Continue reading

Douglas – Capri Come l’antica Grecia – CORRIERE DEL MEZZOGIORNO

di Sergio Lambiase Si divertirebbe da matti Norman Douglas, lo scrittore morto a Capri nel 1952, a seguire i ricorrenti litigi sul «numero chiuso», se l’isola debba continuare ad aprirsi democraticamente alle masse sfiancate di turisti governate dai tour operator, o ripiegare ancora una volta sulla sua bellezza da orto concluso, come quando una vita fa gli «uccelli migratori» (artisti, esuli di lusso, eccetera) si posavano a Marina Grande dopo una tormentosa traversata a ridare…

Continue reading